English version click here    Version française cliquez ici

Condizioni generali di servizio fornite dagli Accompagnatori di Montagna derivante da quelle pubblicate dall'Associazione svizzera delle guide alpine (di seguito ASGM) per i professionisti della montagna

A. Generale

Art. 1 Scopo del contratto

1.1 Ciascun contratto è costituito dalle seguenti due parti integrali, applicabili in caso di contraddizioni nel seguente ordine:

1.1.1 accordi individuali tra il cliente (principale) e il professionista di montagna (accompagnatore di montagna, AM),

1.1.2 queste condizioni generali (di seguito abbreviato da CG).

1.2 Un AM ai fini delle presenti CG si intende qualsiasi persona che abbia ottenuto il certificato federale di Accompagnatore di Montagna o qualsiasi altro diploma equivalente riconosciuto dall'Unione delle associazioni internazionali di montagna (UIMLA). Chiunque soddisfi questo criterio è considerato un Accompagnatore di Montagna ai fini delle presenti CG se è incaricato ad accompagnare in montagna. Può essere un uomo, una donna o un'organizzazione (ad esempio una società semplice formata da numerosi addetti solidalmente responsabili ai sensi degli articoli 530 e seguenti del Codice delle obbligazioni o una persona giuridica, come una società collettiva o una società per azioni come partner obbligatorio), nella misura in cui l'organizzazione incaricata assume una o più Accompagnatori di Montagna o professionisti della montagna.

Sono anche considerati accompagnatori in montagna, ai sensi di questi CG, gli accompagnatori-aspiranti (uomini e donne), nella misura in cui sono autorizzati ad accompagnare solo i clienti, in conformità con le direttive in vigore con l'UIMLA e nella legge federale sulle attività a rischio di accompagnatori e che le escursioni programmate durante la missione presentano al massimo il grado di difficoltà T3 in estate e WT2 (inferiore al limite della foresta) in inverno, ai sensi dell'appendice I

1.3 Ogni contratto (mandato di attività) è soggetto esclusivamente al diritto svizzero, indipendentemente dal fatto che l'incarico possa essere eseguito interamente o parzialmente all'estero. La legge svizzera, in particolare la legge del mandato (articolo 394 e seguenti del Codice delle obbligazioni), completa le parti integrali di cui all'art. 1.1 di queste condizioni.

1.4 A condizione che e nella misura in cui sia applicabile la legge federale del 18 giugno 1993 sui viaggi tutto compreso (LVF, RS 144.3), i regolamenti vincolanti che ne conseguono (cfr. L'articolo 19 LVF) avranno la precedenza sui punti di cui sopra. all'arte. 1.1 nonché la legge del mandato (vedere l'articolo 1.2 delle presenti condizioni).

Art. 2 Conclusione del contratto

2.1 Il contratto è concluso non appena le parti (cliente e AM) hanno concordato il contenuto essenziale del contratto, ovvero i punti base del contratto. Può essere un accordo orale.

2.2 Qualsiasi conferma del mandato, in forma scritta (lettera, e-mail, ecc.), scritta dalla AM o dal cliente, avrà solo lo scopo di consentire a entrambe le parti di dimostrare più facilmente che il contratto è stato concluso e non costituisce una condizione sine qua non per la sua validità. In assenza di una contestazione scritta e immediata alla conferma scritta di un mandato, il contenuto di tale conferma diventa vincolante per entrambe le parti.

2.3 Gli articoli 2.1 e 2.2 di queste condizioni non si applicano se una o entrambe le parti esprimono espressamente una riserva che il contratto è valido solo in forma scritta. In caso di accordo formale di questo tipo o prenotazione (emessa unilateralmente) che richieda la forma scritta del contratto, una lettera, un messaggio di posta elettronica e qualsiasi altra procedura che consenta la restituzione scritta del contenuto dell'accordo saranno ammissibili in mancanza di ulteriori specifiche.

Art. 3 Garanzia di qualità fornita dal accompagnatore di montagna

3.1 L’accompagnatore è responsabile dell'adempimento del mandato con la dovuta diligenza, in conformità con le conoscenze e le competenze richieste dal certificato di professionista di montagna della Confederazione (qualità che il cliente ha il diritto di aspettarsi), in conformità con le disposizioni legali in vigore.

3.2 L'accompagnatore garantisce di essere in possesso del brevetto svizzero o di essere un aspirante. Se il mandato coinvolge più persone, esse certificano che tutte sono in possesso del suddetto brevetto svizzero o dello status di aspirante.

3.3 L'accompagnatore garantisce che anche un altro possibile professionista con cui subappaltare il mandato è un professionista della montagna (Guida Alpina, Accompagnatore di Montagna o Maestro di Scalata).

 

Art. 4 Garanzia di qualità fornita dal cliente

4.1 Il cliente deve applicare le istruzioni del AM alla lettera, in caso contrario quest'ultima ha il diritto di recedere immediatamente dal suo mandato e il cliente dovrà pagare l'intero importo della remunerazione contrattuale pattuita.

4.2 Il cliente si impegna a informare spontaneamente il professionista di montagna sui possibili rischi che lo riguardano (soprattutto di natura medica). In assenza di indicazioni contrarie, il cliente garantisce all'accompagnatore di possedere le qualità richieste (condizione, salute psicologica e fisica, esperienza della montagna, piede sicuro, assenza di vertigini, attrezzatura, ecc.) da realizzare l’attività coperta dal contratto. Se un cliente non adempie all'obbligo di informare, in caso di problemi, il professionista di montagna ha il diritto di tornare immediatamente e il cliente sarà tenuto a pagare l'intero importo della remunerazione contrattuale (vedere anche l'articolo 13.1 paragrafo d e 13.2 di queste condizioni).

4.3 Il cliente accetta i rischi inerenti all'escursione, indipendentemente dal fatto che l'ordine venga eseguito diligentemente dall'accompagnatore.

Art. 5 Assicurazione

5.1 L’accompagnatore conferma di aver stipulato un'assicurazione di responsabilità professionale con una copertura sussidiaria di 5 milioni di franchi per infortunio, inclusi lesioni personali e danni materiali. L’accompagnatore deve fornire, su richiesta del cliente, una fotocopia della sua polizza assicurativa per dimostrare che ha effettivamente sottoscritto un'assicurazione di responsabilità professionale.

Inoltre, l’accompagnatore è coperto da un'assicurazione obbligatoria e abituale, inclusa l'assicurazione sanitaria e contro gli infortuni.

5.2 È responsabilità del cliente stipulare l’assicurazione simile (raccomandata) per suo conto e a sue spese:

  • Assicurazione in caso di recesso, detta anche assicurazione di annullamento (vedi articolo 5, paragrafo e LVF)

  • Assicurazione malattia e infortuni

  • Assicurazione a copertura delle spese di ricerca, salvataggio e rimpatrio in caso di infortunio o malattia, nella misura in cui tali clausole non sono già incluse nell'assicurazione malattia e infortunio (vedere anche articolo 5, paragrafo e LVF)

  • Assicurazione responsabilità civile inclusi incidenti in montagna

Art. 6 Foro giuridico

6.1 In caso di controversia derivante dal contratto di accompagnatore di montagna, i tribunali ordinari sono dichiarati competenti.

6.2 Le parti contrattuali concordano sul fatto che il domicilio del accompagnatore di montagna Peak2peace è l'unica presa in considerazione nel determinare la giurisdizione competente.

B. Remunerazione del mandato

I. Disposizioni di base sulla remunerazione

Art. 7 elementi strutturali di compensazione

7.1 Il risarcimento per la prestazione di escursione è costituito da quanto segue:

  • 7.1.1 Commissioni

  • 7.1.2 Rimborso delle spese accessorie

  • 7.1.3 Imposta sul valore aggiunto (se applicabile)

7.2 Le commissioni corrispondono a uno o più pacchetti giornalieri (vedere l'articolo 9 e seguenti delle presenti condizioni)

7.3 Se il servizio di accompagnamento è soggetta a IVA, questa imposta non è inclusa nella tariffa forfettaria giornaliera. Può quindi essere aggiunta alla fattura.

Art. 8 Accordo di compensazione

8.1 L’accompagnatore di montagna e il cliente devono concordare alla conclusione del contratto il risarcimento del servizio, comprese le sue commissioni (vedere anche l'articolo 2.2 delle presenti condizioni, relative alla conferma del mandato). Le commissioni giornaliere raccomandate dall'ASGM sono solo indicative e non vincolanti.

8.2 Se le parti non riescono a fissare la remunerazione del accompagnatore di montagna alla conclusione del contratto, il cliente dovrà pagare le tasse giornaliere, ai sensi dell'art. 9 e seguenti, nel pacchetto sussidiario fissato nell'art. 10.1, 10.2 e 11 di queste condizioni, aumentate dal rimborso di costi aggiuntivi, ai sensi dell'art. 15 e seguenti di queste condizioni.

II. Tariffa fissa giornaliera

Art. 9 Determinazione della tariffa forfettaria giornaliera

9.1 La tariffa giornaliera può variare tra CHF 500.- e CHF 700.-.

9.2 I criteri utilizzati per determinare la tariffa forfettaria giornaliera nel quadro di cui all'art. 9.1 sono i seguenti:

  • Numero di clienti per accompagnatore; quest'ultimo ha il diritto di modificare il numero di clienti che accompagna (dimensioni del gruppo) alle condizioni della escursione (ad es durata della escursione, condizioni meteorologiche, ecc.); se l’accompagnatore prende più di un cliente, applicherà per ogni persona in più un supplemento adattato;

  • Difficoltà e durata della escursione, condizioni meteorologiche, ecc. ;

  • Capacità del cliente (salute, età, esperienza, ecc.);

  • Numero di giorni del escursione o dell'allenamento (esclusi i viaggi di andata e ritorno); una tariffa giornaliera più elevata dovrebbe essere applicata per un contratto di un giorno o due o tre giorni rispetto a un impegno di quattro o più giorni

Art. 10 Commissione giornaliera sussidiaria

10.1 Se le parti non concordano una commissione specifica o non applicano alcuna commissione (vedere anche l'articolo 8.2 delle presenti condizioni), la tariffa giornaliera sarà di CHF 500.-.

10.2 Se le parti non concordano una tariffa specifica, si applicheranno anche le commissioni giornaliere sussidiarie per le commissioni previste dagli articoli da 11 a 15 del presente documento CG.

 

Art. 11 Viaggio di andata e ritorno

11.1 Se il viaggio di andata (arrivo con mezzi di trasporto e / o marcia di avvicinamento) inizia il giorno prima dopo le 13:00, il cliente dovrà pagare la metà della tariffa giornaliera sussidiaria fissata nell'art. 10.1 di queste condizioni. Se il viaggio di andata inizia il giorno prima delle 13:00, il cliente è tenuto al pagamento dell'intera tariffa giornaliera sussidiaria ai sensi dell'art. 10.1 di queste condizioni.

11.2 Se il viaggio di ritorno (a piedi e / o tramite mezzo di trasporto) termina il giorno successivo alla gara prima di mezzogiorno, il cliente è tenuto a pagare la metà della tariffa giornaliera sussidiaria fissata nell'art. 10.1 di queste condizioni. Se il viaggio di ritorno termina il giorno successivo dopo le 12:00, il cliente è tenuto a pagare, per il giorno successivo alla gara, la tariffa giornaliera sussidiaria completa fissata nell'art. 10.1 di queste condizioni.

11.3 Il viaggio di andata inizia nel luogo di disponibilità immediata del AM (ad es. Casa, residenza stagionale o punto di arrivo del viaggio di ritorno della gara precedente), mentre il viaggio di ritorno termina nel luogo di disponibilità. Seguito immediatamente del AM (ad es. Residenza, residenza stagionale o punto di partenza del viaggio di andata per il prossimo periodo).

 

Art. 12 Annullamento

12.1 Se AM deve annullare l’attività per motivi propri (ad es. Malattia, infortunio, eventi familiari, ecc.), Nessuna delle parti sarà obbligata a pagare un risarcimento o un risarcimento all'altro.

12.2 Se AM deve annullare l’attività per motivi legati ad altri fattori (ad es. A causa di maltempo, avverse condizioni montane, interruzione dei collegamenti di trasporto, ecc.), Il cliente deve , in relazione ai giorni concordati nonché al tempo necessario per i viaggi di andata e ritorno, le tariffe giornaliere fissate nell'art. 10.1 e 11 delle presenti CG, oltre al rimborso delle spese accessorie effettive (ad es. Spese di annullamento dell'alloggio prenotato, ecc.). Il AM è comunque obbligato a proporre al cliente attività sostitutive che corrispondano alle capacità del AM e del cliente.

12.3 Se il cliente annulla il mandato, per qualsiasi motivo, deve pagare all AM l'intero pacchetto concordato o, se applicabile, la tariffa fissa prevista dall'art. 10.1 di queste condizioni in assenza di un accordo di commissioni, oltre a tariffe fisse giornaliere per i viaggi di andata e ritorno, ai sensi dell'art. 11 delle presenti condizioni, secondo le seguenti clausole relative alle spese di cancellazione, oltre al rimborso dei rispettivi costi accessori reali (ad es. Le spese di cancellazione dell'alloggio prenotato, ecc.):

  • Annullamento da 60 a 31 giorni prima dell'inizio della gara: 25% delle tasse,

  • Annullamento da 30 a 11 giorni prima dell'inizio della gara: 50% delle tasse,

  • Cancellazione 10 giorni o meno prima dell'inizio della gara: 100% delle tasse

 

Art. 13 Fermarsi o interruzione

13.1 La tariffa forfettaria giornaliera concordata o, se applicabile, la tariffa fissa giornaliera fissata nell'art. 10.1 delle presenti CG, in assenza di un accordo di commissioni, maggiorato delle rispettive spese aggiuntive, è sempre dovuto nei seguenti casi:

a) quando AM deve, per motivi di sicurezza (condizioni meteorologiche avverse, condizioni sfavorevoli, affaticamento del cliente, ecc.), interrompere l’attviità;

b) quando l’accompagnatore organizza una giornata di riposo a causa del maltempo o su richiesta del cliente;

c) quando il cliente decide di interrompere l’escursione;

d) quando il accompagnatore decide di interrompere l’attività per il motivo di cui all'art. 4.1 di queste CGi;

e) quando il accompagnatore ferma una escursione iniziata a fornire assistenza agli escursionisti in difficoltà, perché è trattenuto e autorizzato, a condizione che tale intervento non minacci la sicurezza dei propri clienti.

Nota: l'obbligo del cliente di pagare l'intera remunerazione alla professionista di montagna quando assiste gli escursionisti in difficoltà è legittimato nella comunità a rischio di tutti gli alpinisti. Da parte sua, ogni cliente può contare sull'assistenza di altri professionisti della montagna se lui e il suo compagno dovessero essere in difficoltà.

13.2 Se un impegno di più giorni deve essere fermato, l'art. 13.1 di queste condizioni si applicheranno in modo simile.

Art. 14 Trasferta da e verso

14.1 La remunerazione per il tempo trascorso nei viaggi di andata e ritorno è soggetta alle disposizioni di cui all'art. 11 di queste condizioni.

14.2 In assenza di un accordo speciale per una tariffa forfettaria giornaliera, la tariffa forfettaria aggiuntiva dovuta per i viaggi di andata e ritorno deve essere calcolata sulla base della tariffa giornaliero di cui all'art. 10.1 descrive in queste condizioni.

Art. 15 Annullamento e interruzione

15.1 Le disposizioni di cui all'art. 12 e 13 di queste CG si applicano in modo simile.

15.2 In assenza di un accordo speciale su una tariffa forfettaria giornaliera, le commissioni dovute in questi casi saranno calcolate sulla base della sussistenza giornaliera fissata nell'art. 10.1 di queste condizioni.

 

IV. Costi aggiuntivi

Art. 16 Viaggi di andata e ritorno

16.1 Il cliente deve rimborsare il professionista di montagna le spese di trasporto effettive per i viaggi di andata e ritorno, nonché eventuali spese di trasporto sostenute durante l'esecuzione del mandato (ad esempio l'uso di mezzi di trasporto come le funivie ecc. utilizzato per le modifiche al sito). Inoltre, il cliente paga le proprie spese di trasporto.

16.2 Se è impraticabile o impossibile utilizzare i mezzi di trasporto pubblici o se l'uso del veicolo privato del proffesionista consente di abbreviare i viaggi di andata e ritorno, l'interessato ha diritto a chiedere un risarcimento di CHF -.70 per singolo chilometro, indipendentemente dal fatto che sia accompagnato o meno dai clienti. Se, per uno dei motivi sopra menzionati o su richiesta del cliente, viene chiamato un servizio di taxi o un mezzo di trasporto privato simile, anche i costi sostenuti sono a carico del cliente.

 

Art. 17 alloggi

17.1 Il cliente sostiene anche le spese di alloggio effettive del accompagnatore (ad es. In rifugi e alberghi, ecc.) Nonché le proprie spese di alloggio.

 

Art. 18 Ristorazione

18.1 Le spese di ristorazione per il professionista di montagna e il cliente nei rifugi, negli hotel, nei ristoranti ecc., come pure bevande e tè di marcia, sono a carico del cliente.

18.2 Eventuali spuntini consumati dall’accompagnatore di montagna e dal cliente durante l’attività e che saranno presi nel sacco di ciascuno, devono essere forniti individualmente dalle parti a proprie spese.

 

Art. 19 Attrezzature

19.1 Le spese del professionista di montagna relative alle sue attrezzature (acquisto, manutenzione e riparazioni, ecc.) sono compensate dall’onorario giornaliero.

19.2 Il professionista di montagna ha il diritto di aspettare fino a quando il cliente disponga delle attrezzature adeguate necessarie per eseguire l’escursione. Se sono necessarie attrezzature speciali, il professionista di montagna informerà tempestivamente il cliente.

19.3 Se il cliente non ha l'equipaggiamento richiesto, il professionista di montagna può noleggiarlo a lui, su richiesta del cliente e a spese del cliente, nella misura in cui si può ragionevolmente prevedere che questa operazione sarà eseguita dal professionista di montagna.

V. Termine di scadenza

Art. 20 Determinazione del termine di pagamento

20.1 La data in cui è dovuta la retribuzione del professionista di montagna (quest'ultima comprensiva delle sue tasse e del rimborso delle spese accessorie) deve essere fissata alla conclusione del contratto. Allo stesso modo, si deve stabilire se il cliente deve pagare direttamente le spese di vitto e alloggio (conformemente all'articolo 16 e alle seguenti condizioni), oltre alle proprie spese di vitto e alloggio.

20.2 Peak2peace ha il diritto di richiedere al cliente di versare un deposito in una determinata data che precede l'esecuzione del mandato. Tale accordo può essere accompagnato da una condizione precedente che stabilisce che, in assenza del pagamento della caparra entro il termine prescritto, il contratto decade per entrambe le parti contrattuali.

Art. 21 Nessuna scadenza fissa

21.1 In assenza di una scadenza fissa, il cliente è tenuto a rimborsare la quota e le spese accessorie entro trenta (30) giorni dal ricevimento della fattura del professionista in montagna, del conto bancario o del conto postale indicato da peak2peace.

21.2 La fattura può essere consegnata al cliente al termine del mandato, in forma scritta a mano. In questo caso, il periodo di pagamento di trenta (30) giorni decorre dalla consegna della fattura.

Allegato I

Gradi di difficoltà per escursioni con racchette da neve ed escursioni alpine

Si applicano i gradi di difficoltà definiti nelle seguenti scale:

1. Scala CAS per l'elenco delle escursioni in montagna e delle escursioni alpine il 5 settembre 2012,

2. Scala CAS per la corsa con le ciaspole, settembre 2012